Proclamazione stato di agitazione appalto servizi Musei Civici Fiorentini

Firenze -

Firenze 1 Dicembre 2015

 

Alla Rear Soc. Cooperativa

Al Prefetto di Firenze

All’Assessore del Comune di Firenze

Federico Gianassi

Alla Commissione di Garanzia

All’Unità di Crisi

Città Metropolitana

 

Oggetto: Proclamazione stato di agitazione appalto servizi Musei Civici Fiorentini

In relazione al cambio di appalto nei Musei Civici Fiorentini, la scrivente Organizzazione Sindacale denuncia quanto segue:

I contratti individuali di lavoro sono stati firmati dai lavoratori senza una reale volontà degli stessi di condividerne i contenuti, ma solo per il timore di perdere il posto di lavoro, visto che a latere non esisteva alcun accordo sindacale.

Non sono state rispettate le condizioni economiche, normative e contrattuali pre esistenti.

Non vi è rispetto della normativa contrattuale vigente con particolare riferimento, con dilazione dei tempi di pagamento delle retribuzioni, inoltre i contratti di lavoro part time (la stragrande maggioranza) non rispettano la normativa vigente in materia di collocazione temporale della prestazione lavorativa e per le deroghe sul preavviso e sulle clausole elastiche e flessibili.

Infine la committenza (Comune di Firenze) non si è fatta carico degli impegni assunti.

Per quanto sopra viene proclamato lo stato di agitazione e si richiede l’attivazione delle procedure relative alla legge 146/90 e successive modificazioni.

In attesa di un sollecito cenno di riscontro si porgono distinti saluti.

 

USB Lavoro Privato

(Stefano Cecchi)

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati