Verso il 4 marzo 2018 per non dimenticare

Firenze -

Ai colleghi e alle colleghe del Comune di Firenze

In vista delle elezioni del 4 marzo 2018, ci siamo messi a sfogliare l’elenco dei candidati dei vari partiti e scorrendo i nomi fra collegi uninominali, collegi plurinominali, Camera e Senato, ci siamo imbattuti in un nome che ci ha improvvisamente risvegliato l’attenzione e la memoria.

Infatti nel collegio uninominale della Camera 1 Firenze, Novoli,Peretola è candidato per la coalizione che ruota attorno al PD il Sig, Toccafondi Gabriele.

Correva l’anno 2008 eravamo ad inizio estate, ed avevamo riscosso da poco la produttività relativa all’anno 2007, circa 1000, 1300 euro lordi a testa (si perché allora la produttività girava su quelle cifre) e l’allora Consigliere Comunale Toccafondi Gabriele (eletto per la lista Azione per Firenze, poi Forza Italia e/o PDL) non trovò di meglio che dichiarare pubblicamente che ai dipendenti venivano elargiti a pioggia soldi a sfare…e sulla base di questo fece un esposto al Ministro della Funzione Pubblica (tal Renato Brunetta).

Sulla base dell’esposto partì l’indagine del MEF che ebbe poi i risvolti che tutti dovremmo ricordare, taglio del fondo del salario accessorio da 28 milioni a meno di 20 milioni, lettere di messa in mora, sospensione delle indennità, rinvio a giudizio di 24 sindacalisti, processi, e un impoverimento generalizzato delle nostre retribuzioni, il tutto nel complice silenzio dell’allora Sindaco Matteo Renzi.

Poco dopo il Sig. Toccafondi Gabriele fu promosso prima deputato di Forza Italia, poi Sottosegretario al MIUR in quota NCD sia nel Governo Letta che nel Governo Renzi che nel Governo Gentiloni.

E oggi lo ritroviamo candidato alla Camera nel Collegio uninominale 1 Firenze per la coalizione che fa capo al PD di Renzi.

Noi non ci permetteremo mai di dirvi per chi votare, ma ci permettiamo di dire “risvegliamo la memoria, perché un popolo senza memoria è un popolo senza futuro”.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni